Vivere in Basilicata
Clicca mi piace! Seguici su Facebook Vivere in Basilicata



Expo Lucana 2015





Vito Lentini - Realizzazione siti web

International Business Twt



CONTATTI

Informazioni
www.vivereinbasilicata.it
info@vivereinbasilicata.it

CONTATTACI

INFORMATIVA COOKIES

COLLABORA CON NOI

MAPPA DEL SITO
NEWS DEL GIORNO

NESSUNA NEWS IN ARCHIVIO

QR CODE

qrcode
Rileva questo codice dalla fotocamera del tuo dispositivo mobile, per collegarti direttamente con noi!

FAGIOLI DI SARCONI

I FAGIOLI DI SARCONI SONO COLTIVATI DA SECOLI IN UNA PARTICOLARE ZONA DELLA BASILICATA.
LA ZONA DI PRODUZIONE DEI FAGIOLI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA FAGIOLI DI SARCONI, COMPRENDE I TERRITORI DEI COMUNI DI: SARCONI, GRUMENTO NOVA, MARSICONUOVO, MARSICOVETERE, MOLITERNO, MONOMERO, PATERNO, SAN MARTINO D'AGRI, SPINOSO, TRAMUTOLA, VIGGIANO, TUTTI SITUATI IN PROVINCIA DI POTENZA.


Pubblicit� su Vivere in Basilicata

MARTEDì 03 DICEMBRE 2013

I fagioli di Sarconi sono coltivati da secoli nella tradizionale zona d'origine che comprende i territori dell'Alta Valle dell'Agri situata in Basilicata. I comuni interessati sono: Sarconi, Grumento Nova, Moliterno. Marsico Nuovo, Moliterno, Marsicovetere, Montemurro, Paterno, San Martino d'Agri, Viaggiano, Tramutola e Spinoso. I fagioli di Sarconi sono così denominati perché pendono il nome dal paese omonimo, dove la coltivazione di questi legumi ha antiche tradizioni. I terreni fertili, le estati fresche e le abbontanti acque incontaminate provenienti dai monti circostanti insieme alla condizioni climatiche e alle tradizionali tecniche di coltivazioni, consentono di ottenere un prodotto unico e inconfondibile sia per le caratteristiche organolettiche che nutrizionali. I terreni di coltivazione sono freschi, profondi, fertili, al di sopra dei 600 metri s. l. m. La semina avviene tra aprile e luglio, a seconda degli ecotipi di indiscutibile valore agronomico e commerciale, quali: fasuli risi, tuvagliedde rampicanti, verdolini, ciuoti o regina, tabacchino, marruchedda, nasieddo, munachedda, san Michele, cannellino, rampicante. La raccolta, la battitura e la cernita avvengono prevalentemente a mano. I trattamenti fitosanitari sono per lo più agronomici tra i quali sono consentiti solo quelli base di rame. I Fagioli di Sarconi nel 1996 hanno ottenuto il riconoscimento IGP grazie al progetto di promozione e valorizzazione finanziato dall'A.L.S.I.A. che ha permesso di portare sul mercato questo prodotto della civiltà contadina lucana fondendo laboriosità e tradizione e facendo rivivere antichi sapori. Tutte le fasi di produzione e confezionamento sono oggetto di attenti ed accurati controlli che assicurano, con la certificazione, il pieno rispetto di tutte le regole previste dal Disciplinare di Produzione adottato dal Consorzio di Tutela con sede in Sarconi.


Fagioli di Sarconi
Fagioli di Sarconi


Pubblicit� su Vivere in Basilicata
Vivere in
BASILICATA
2013 ©
www.vivereinbasilicata.it
Italy
info@vivereinbasilicata.it