VIVERE IN BASILICATA   /   I PAESI   /   ATELLA
Vivere in Basilicata
Clicca mi piace! Seguici su Facebook Vivere in Basilicata



Expo Lucana 2015





Vito Lentini - Realizzazione siti web

International Business Twt



CONTATTI

Informazioni
www.vivereinbasilicata.it
info@vivereinbasilicata.it

CONTATTACI

INFORMATIVA COOKIES

COLLABORA CON NOI

MAPPA DEL SITO
NEWS DEL GIORNO

NESSUNA NEWS IN ARCHIVIO

QR CODE

qrcode
Rileva questo codice dalla fotocamera del tuo dispositivo mobile, per collegarti direttamente con noi!

COMUNE DI ATELLA

ATELLA è UN COMUNE DI 3.899 ABITANTI DELLA PROVINCIA DI POTENZA


Pubblicit� su Vivere in Basilicata

Comune
Piazza Matteotti, 3
85020 Atella PZ
di Basilicata
telefono 0972 716611


Sito internet
Atella



EVENTI NEL PAESE (2)
PHOTOGALLERY PAESE (0)
DOVE MANGIARE (0)
DOVE DORMIRE (0)
ATTRAZIONI (0)
OPERANO SUL TERRITORIO (0)
ATELLA sorge al centro della Valle di Vitalba, l?ampia e pressoché pianeggiante vallata che si estende da Lagopesole al Vulture che prende il nome da un casale (VITALBA) che sorgeva su una collinetta (colle di S. Marco) vicina alla fiumara, scomparso alla fine del 1200.
La cittadina nacque tra il 1320 ed il 1330, nell?ambito della riorganizzazione demica voluta dagli angioini nel Regno di Napoli.
In quel periodo Giovanni d?Angiò, sestogenito di re Carlo II, conte di Gravina e signore di
S. Fele, Vitalba ed Armaterra, promise l?esenzione dalle imposte per 10 anni a coloro che si sarebbero trasferiti nella città che stava facendo edificare.
La promessa ottenne l?effetto sperato. Oppressi dalle angherie e prepotenze dei feudatari gli abitanti dei casali (Rionero, Caldane, S. Marco, Balvano,
S. Sofia e S. Andrea) e dei castelli (Masona, Armaterra, Lagopesole, Agromonte, Montemarcone, Monticchio dei Normanni) circostanti li abbandonarono e si trasferirono in gran numero nella città che stava sorgendo.
Tuttavia in passato si è creduto che ATELLA fosse stata fondata nel III sec. a.C. da profughi dell?omonima città campana, o che fosse sorta sulle rovine di un?altra città (Celenna). Queste ipotesi, che sembrano trovare conferma in alcuni ritrovamenti archeologici (una necropoli del IV sec. a.C.; un sarcofago d?epoca imperiale romana, oggi conservato nel Museo Nazionale di Napoli), allo stato dei fatti sono prive di fondamento.Per la volontà del fondatore, che volle la città ?forte di mura e bella di vie simmetriche?, per la fertilità del terreno e per la ?industria ed arte?
dei suoi abitanti, Atella diventò un centro assai importante sia sotto il profilo economico che militare.Nel Trecento e nel Quattrocento era una delle cittadine più ricche della Basilicata (pagava, infatti, più tasse di ogni altro paese della regione); numerose erano le chiese
(oltre alle chiese parrocchiali di S. Maria, S. Nicola e S. Eligio.


Ricerca alfabetica:      A  B  C  D  E  F  G  H  I  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z




Atella
Atella


Inviaci una nuova foto del tuo paese! La foto sar� valutata dal nostro staff e pubblicata sul sito.

Pubblicit� su Vivere in Basilicata
Vivere in
BASILICATA
2013 ©
www.vivereinbasilicata.it
Italy
info@vivereinbasilicata.it