VIVERE IN BASILICATA   /   I PAESI   /   TRAMUTOLA
Vivere in Basilicata
Clicca mi piace! Seguici su Facebook Vivere in Basilicata



Expo Lucana 2015





Vito Lentini - Realizzazione siti web

International Business Twt



CONTATTI

Informazioni
www.vivereinbasilicata.it
info@vivereinbasilicata.it

CONTATTACI

INFORMATIVA COOKIES

COLLABORA CON NOI

MAPPA DEL SITO
NEWS DEL GIORNO

NESSUNA NEWS IN ARCHIVIO

QR CODE

qrcode
Rileva questo codice dalla fotocamera del tuo dispositivo mobile, per collegarti direttamente con noi!

COMUNE DI TRAMUTOLA

TRAMUTOLA è UN COMUNE ITALIANO DI 3.149 ABITANTI DELLA PROVINCIA DI POTENZA.


Pubblicit� su Vivere in Basilicata

Comune
Piazza del Popolo

85057 Tramutola PZ
telefono 0975 353002


Sito internet
Tramutola



EVENTI NEL PAESE (1)
PHOTOGALLERY PAESE (0)
DOVE MANGIARE (0)
DOVE DORMIRE (0)
ATTRAZIONI (1)
OPERANO SUL TERRITORIO (1)
Le origini di Tramutola non sono molto antiche e si ricollegano alla penetrazione nella zona dei monaci benedettini, anche se alcune teorie sostengono che un gruppo di rigettati dalla nascente civiltà Paternese ( provenienti dall'antica Civitas ) cercò protezione nella gola in cui è situato attualmente il paese. Nel 1144 un monaco della Badia di Cava, Giovanni di Marsico cappellano dell? abate Falcone, che non aveva dimenticato le sue terre d'origine, attirò la simpatia di alcuni ricchi signori che donarono alla Badia di Cava la chiesa di San Pietro con annesso dormitorio e con tutti i suoi beni. La donazione fu poi perfezionata, come prevedeva l?usanza dei tempi, dal consenso del vescovo di Marsico Giovanni II.
Questi edifici, forse fondati dai basiliani avevano raggiunto una certa importanza, perché stazione di sosta sulla strada - o sarebbe meglio dire un tratture - che da Atena Lucana, attraverso Brienza, conduceva a Marsico. Per rinunciare ai suoi diritti, la diocesi marsicana ottenne una libbra di cera, una d'incenso ed un maiale all'anno.
La fama di santità che accompagnava i Benedettini cavensi e l?opera di bonifica compiuta in una terra contrassegnata da zone paludose - il nome Tramutola deriva da "terra motola", cioè ricca d'acqua - contribuirono ad allargare il nucleo abitato. La cura dei monaci favorì la coltura del gelso e l'allevamento del baco da seta che, con il lino e la canapa e una certa produzione tessile, furono per secoli i pilastri dell?economia locale. La dipendenza dall'abbazia di Cava consentì alla comunità tramutolese una certa protezione dalle prepotenze che altri paesi subivano da parte dei feudatari "laici".
L?abate di Cava, che fu insignito del titolo di Barone di Tramutola, esercitava il suo governo mediante un vicario per gli affari ecclesiastici, ed un "bajulo" per tutti gli aspetti fiscali e finanziari. I capi delle famiglie potevano far sentire la loro voce attraverso un parlamento che radunava due volte all'anno.La presenza del petrolio nel comune era gia' noto nel passato, almeno dal periodo attorno la meta' del secolo XIX, in quanto il geografo Amati ne segnala lo sfruttamento tramite di miniere di asfalto nel comune, confermando quanto riportato negli "Annali del regno delle due Sicilie" che cita l'esposizione di campioni di asfalto di Marsico e Tramutola alla "pubblica esposizione di arti e manifattura del 1853.




Ricerca alfabetica:      A  B  C  D  E  F  G  H  I  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z




Tramutola
Tramutola


Inviaci una nuova foto del tuo paese! La foto sar� valutata dal nostro staff e pubblicata sul sito.

Pubblicit� su Vivere in Basilicata
Vivere in
BASILICATA
2013 ©
www.vivereinbasilicata.it
Italy
info@vivereinbasilicata.it